• Una casa passiva in mezzo ai boschi

    Una casa passiva in mezzo ai boschi18

    In Canada una coppia di creativi decide di vivere e lavorare immersa nella natura. Dire Quebec significa parlare di quella regione del Canada tra la penisola di Terranova e l’Ontario, grande sei  volte l’Italia, dove la foresta sub-artica riveste un ruolo primario e la varietà della flora diviene preziosa risorsa: un ecosistema equilibrato e diversificato tra conifere, abeti, pini grigi, larici ed aceri neri e rossi in cui immergersi per ritrovare un silenzio che allontana dall’ incessante brusio delle città.È in questo scenario che una scrittrice ed un fotografo/musicista hanno chiesto che venisse progettata la loro dimora, uno spazio per abitare e contemporaneamente lavorare, separatamente, con l’indispensabile concentrazione, in una dimensione di ricercato isolamento.Il compito è stato affidato all’architetto canadese…

  • Seguire il respiro della natura

    Seguire il respiro della natura4

    Sulle colline venete, l’architetto Giorgio Parise firma un progetto residenziale che dialoga con un paesaggio fuori dal tempo mantenendo i tratti di un’inedita contemporaneità. Una villa adagiata alle pendici dei colli Berici, la zona a sud di Vicenza che descrive un paesaggio dalla coinvolgente tenerezza, fatto di rilievi dolci e verdeggianti. Qui lo studio dell’architetto Giorgio Parise, progettista attento alla valenza formale ed ecosostenibile del suo lavoro, ha pensato una residenza che raccoglie su di sé i segni dell’architettura rurale, reinterpretandoli in una costruzione che, in simbiosi con il luogo, plasma nuove forme essenziali adottando tutte le tecnologie utili ad ottenere l’indipendenza energetica data dalle risorse rinnovabili.La casa segue una disposizione ad L a cui si “appoggiano” altri due corpi…

  • Abitare l’armadio

    abitare larmadio cover

    Quando gli arredi celano mondi inesplorati Questo lungo viaggio, iniziato mesi fa attraverso i vari ambienti che costituiscono le nostre case e che ci ha rivelato i molteplici significati che trattengono e rivelano, ci porta ora ad aprire, e il termine non è casuale, uno spazio molto particolare, insostituibile nella vita di ogni abitazione: l’armadio. Anch’esso ha avuto la sua evoluzione nel tempo, se pensiamo che è nato in tempi lontani come piccolo mobile a due ante dove trovavano riparo pochi ma preziosi vestiti, custoditi gelosamente e ordinatamente, ed è poi giunto ai giorni nostri in tutta la sua fierezza e funzionalità, sebbene parlare di armadio in termini tradizionali possa oggi apparire un po’ fuori moda. Alla sua nascita il…

  • Una dimora nei frutteti

    Una dimora nei frutteti

    Quando l’architettura segue e completa il paesaggio: abitare la natura con sensibilità e sorprendente tocco umano. Difficile passare da qui senza trattenere il fiato: lo scorcio sulla campagna aperta coi frutteti che emergono sull’orizzonte riempie d’emozione.Qui, dove la corolla di colline intorno a Cesena fa da quinta scenografica, sorge casa BL, un edificio residenziale che ha preso il posto di un vecchio manufatto agricolo che si trovava in uno stato di degrado.Al primo incontro con l’architetto Lorenzo Tappi (Studio Associato Barbieri di Cesena), artefice del progetto, i proprietari avevano espresso una richiesta su tutte: rendere la casa funzionale alle moderne abitudini familiari, una costellazione di esigenze, passioni, desideri che, ognuno di noi, ritiene uniche.I volumi dell’edificato si stagliano sul paesaggio…

  • Sostenibilità in villa.

    Sostenibilità in villa Studio di Architettura Piantoni 6 e1657639000988

    Materiali eco-compatibili e impianti tecnologicamente avanzati garantiscono ineguagliabili prestazioni energetiche in un’architettura residenziale contemporanea. Il primo approccio poteva disorientare perché si trattava di un’area di 2.800 mq., caratterizzata da una notevole pendenza del terreno e da una folta vegetazione circostante: l’abitazione, con un’impronta architettonica tradizionale, era disposta su due piani ed in condizioni degradate.L’intervento dello studio di Architettura Piantoni, che ha sede in provincia di Milano, è stato consistente: si è innanzitutto proceduto con la demolizione dell’esistente e poi, nella realizzazione del nuovo edificio residenziale, è stato coinvolto Wolf Haus. Quest’ultimo, specialista di comfort abitativo a ridottissimo impatto, ha realizzato una struttura prefabbricata a telaio in legno e materiali eco-compatibili per offrire prestazioni energetiche di comfort termico e acustico di…

  • Una villa monofamiliare sull’altopiano Ibleo

    Cover 4 scaled

    Protagonista il bianco assoluto Firmato dallo studio siracusano morana+rao architetti, di Andrea Morana e Luana Rao, il progetto di una villa monofamiliare sull’altopiano Ibleo obbedisce a criteri architettonici precisi, fondati sulla ricerca della massima purezza volumetrica, senza rinunciare al comfort e alla funzionalità di una casa contemporanea. Chiusa su se stessa rispetto al paesaggio agricolo in cui si inserisce e tuttavia priva di recinzioni a vantaggio della massima osmosi visiva con esso, la villa è situata in posizione dominante sopra la città di Noto e gode di una vista mozzafiato su uno dei paesaggi più suggestivi della Sicilia. Caratterizzato da segni di antiche civiltà, stabilitesi nel tempo tra i suoi pendii e le sue vallate, segnate da cave, canyon, fiumi…

  • La casa dell’architetto.

    La casa dell’architetto

    Giovanna Azzarello ci accoglie nella sua nuova residenza milanese, “rigorosamente” eclettica. C’è sempre molta curiosità quando si varca la soglia della casa di un architetto, una curiosità che si muove tra due poli opposti: l’istinto di carpire qualche segreto del mestiere e il desiderio di trovare, lente d’ingrandimento alla mano, qualche punto di debolezza, quel particolare che è sfuggito di mano, magari, che si poteva secondo un “doveroso e personalissimo giudizio del visitatore” risolvere in un altro modo.Appena superato l’ingresso, la casa di Giovanna Azzarello  si offre agli ospiti semplicemente così com’è: calda, accogliente, armoniosa. La sorprendente impressione è che non ci sia bisogno di percorrerla in tutta la sua estensione per scoprirne le funzioni: si intuiscono perché sono al…

  • Racconto di design.

    Racconto di design e1652880232431

    Uno stile eclettico per restituire inaspettate suggestioni. In Brianza l’architetto Stefano Fumagalli ha curato la progettazione d’interni di un appartamento situato al livello superiore di una casa indipendente, con giardino, risalente agli anni  ’50.Il tempo, le abitudini, le persone che l’hanno abitata ne avevano modificato l’impianto distributivo, le finiture, le dimensioni. L’intervento di ristrutturazione ha restituito vigore, personalità, attualità agli ambienti.All’unità abitativa si accede attraverso una scala esterna caratterizzata da un elegante andamento curvilineo: un balcone, unito ad un’ampia loggia con funzione di living esterno, precede l’ingresso che si apre sulla zona giorno, frontalmente allo sbarco della scala elicoidale interna in cemento e resina trasparente (Edilco Scale) che funge da collegamento diretto con l’appartamento sottostante, occupato dai figli della coppia.Bandito…

  • Via libera ad una nuova spazialità

    Via libera ad una nuova spazialità4

    Una ristrutturazione radicale, firmata dallo studio LCA, esalta le potenzialità espressive e funzionali di un appartamento degli anni ’60. “Ogni progetto è un percorso unico: tecnico, culturale, emotivo. Si progetta per soddisfare le diverse esigenze del committente, ma si tracciano anche nuove strade nella propria esperienza professionale, che si nutre di incontri, confronti, problemi e soluzioni alternative”. L’architetto Luca Compri, fondatore dello studio varesino LCA architetti, sintetizza così il suo approccio e quello dei suoi collaboratori ad un lavoro ricco di scambi e di connessioni. Tutta l’attività dello studio, che opera a varie scale progettuali, è caratterizzata dalla volontà di realizzare opere architettoniche altamente sostenibili, che rispettino le persone e l’ambiente. La cura del dettaglio, l’utilizzo delle potenzialità espressive della…

  • Un caffè in “galleria” (con vista).

    cover

    La ristrutturazione di un tipico appartamento partenopeo restituisce valore a spazi dalle potenzialità mai indagate prima. Il titolo non allude ovviamente della storica Galleria Umberto I di Napoli ma fa riferimento ad un altro ambiente, privato, di forma allungata e con l’originaria funzione di collegamento di locali contigui, appartenente ad un tipico appartamento del capoluogo partenopeo. Lo studio Longo e Troja Architetti ne ha fatto il fulcro del progetto di ristrutturazione che ha coinvolto l’intera unità abitativa.Lasciamo alla progettista, l’architetto Fabiana Longo, il compito di descrivere l’intervento.  Cosa di meglio delle sue parole per farci rivivere la sua passione per il lavoro svolto, guidarci tra i suoi “appunti di viaggio” e condividere le suggestioni che questa abitazione ora può offrire?…