• “Effetto” Libreria

    Zampieri Irori Libreria 1 e1616799406127

    Le abbiamo notate tutti: coprotagoniste nelle interviste televisive realizzate attraverso piattaforme digitali, alle spalle di personaggi più o meno noti e talvolta più interessanti degli stessi, le librerie hanno fatto da sfondo alla nostra avida ricerca di notizie confortanti lungo tutto il corso di quell’annus horribilis che è stato il 2020.

  • Single cerca (ampio) bilocale con “senso”

    single-cerca-ampio-bilocale-con-senso

    Come cambiano le nostre abitazioni tra bisogni e nuovi desideri. A voler compitare i risultati statistici di una ricerca di mercato si è spesso guidati da un’esitazione tipo “vaso di Pandora”.Ci chiediamo infatti: che succede? Oppure: come siamo? E poi: saremo ancora gli stessi?Se, in condizioni normali, le ricerche ci aiutano a comprendere i nostri costumi, le scelte, le nuove esigenze, da un anno a questa parte l’emergenza Covid 19 ha caricato di ulteriori sfaccettature le nostre giornate, i desideri, le abitudini mostrandoci che esiste un modo ancora diverso per vedere le stesse cose.Per esempio, senza questa pandemia non avremmo messo a dura prova la convivenza domestica, oppure avremmo trascurato il valore degli spazi abitativi, dandoli, per abitudine, un po’…

  • Il Bianco? Un Evergreen!

    colore_bianco

    Il colore-non colore che attraversa mode ed epoche: amato dagli architetti e temuto dagli artisti. Bianco latte e bianco ghiaccio: a tre quarti del secolo scorso ancora non esistevano che poche tonalità per questo non colore, almeno nell’immaginario collettivo. La mia mente ritorna alle antiche discussioni familiari sulla tinta con cui verniciare i vecchi termosifoni in ghisa dell’appartamento: la componente femminile optava per la gradazione più calda ed accogliente, quasi burrosa, quella maschile invece per la tonalità più fredda, forse nel tentativo di rendere più virile un colore tradizionalmente associato, nella cultura occidentale, alla purezza e all’innocenza. Ciò che accomunava – del tutto all’oscuro, allora, del potere a lungo andare avvelenante delle miscele chimiche con cui “rinfrescavamo” le nostre abitazioni –…

  • Questione di cocooning

    questione_di_cocooning

    Ogni cambiamento offre suggestioni che obbligano a pensare in modo diverso, alternativo. C’è sempre un trauma dietro ogni cambiamento. E il fatto che attualmente si chiami Covid è non più che un dettaglio.  Cambiano i nostri comportamenti e il modo di abitare perché si è drasticamente modificato lo scenario nel quale spendiamo le nostre ore e la quotidianità.Lo spunto, questa volta, ci arriva dalla ricerca “Think Forward 2021” di We Are Social, quindi da qualcosa che non attiene specificamente ai nostri argomenti eppure, di sponda, coinvolge gli interessi di folderonline.  Che cosa dice quest’indagine? Per esempio che la “nuova normalità” di rimanere in casa per un tempo prolungato ha fatto emergere le attività domestiche più orientate al piacere, al passatempo,…

  • Se la casa sta alla moda

    Ronda Design_Materika_Walk-in Closet_cabina armadio

    Moda, casa, vestiti, arredo:quando abbigliamento e spazio domestico si confidano. Affrontare   un  libro  come questo  in  chiave  di  usi  e  costumi dell’abitare  può  sembrare  un  approccio  poco  ortodosso  (Isabella Pezzini, Bianca Terracciano, La moda fra senso e cambiamento, Meltemi Editore). Tuttavia sono numerose le “orecchiette” che ornano in alto le pagine a mo’ di segnalibro e fermano la nostra attenzione sollecitando una lettura interdisciplinare di quegli argomenti, così interessanti da poter essere trasferiti anche al contesto immobiliare residenziale.Ci piace pensare alla semiotica della casa sulla falsariga di ciò che s’intende per semiotica della moda, ben espressa nel libro: vale a dire come “comprensione e produzione di senso” che, per quel che ci riguarda, vengono promosse da tutto quanto compone le…

  • Smart Working

    smart_working

    Trend sociologici, traumi economici e/o epidemici impattano direttamente sui nostri usi e costumi trasformando il nostro modo di abitare e facendo emergere necessità prima sconosciute. Ho riconsiderato una serie di appunti stesi in piena pandemia, nati sull’onda emotiva del primo lockdown, trascorso in quasi totale isolamento nella mia abitazione-studio.Rilette a sette mesi di distanza, mi sembrava di aver espresso nella parte finale di quelle pagine una serie di considerazioni semplici, immediate ed intuitive, tali da poter essere associate al pensiero di chiunque avesse vissuto a casa propria il periodo di isolamento.Ma, poiché non più tardi di un mese fa ho avuto modo di constatare che colleghi più in vista e socialmente in evidenza hanno espresso, attraverso media diversi, le medesime…

  • Si faceva chiamare Tinello

    si faceva chiamare tinello

    Se un giorno d’inverno un architetto: funzionalità e design emozionale in una originale rivalutazione dello spazio. Nel grandangolo della memoria così è rimasto: tinello. Un nome a suo modo espressione di un’epoca, prendere o lasciare. Un passo indietro: Adriano m’aveva parlato di una casa di ringhiera, l’abitazione tipica che Milano ha reso celebre con i suoi Navigli, ma che in realtà appartiene al più vasto territorio residenziale lombardo. Mi aveva raccontato, devo ammettere con una certa fascinazione, dell’appartamento in quel caseggiato, dell’intervento di ristrutturazione a cui aveva assistito, degli arredi disegnati intorno ai nuovi spazi, dell’eredità del luogo. Ma, più di tutto, della scelta dell’architetto di proporre un’idea capace di eludere i percorsi consolidati dell’abitare. Il tratto spontaneo della matita,…